Skip Navigation Links
Ignora collegamenti di spostamento
Česky
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Pусский
Ignora collegamenti di spostamento
Curiosità naturali
Riserve naturali e Aree Paesaggistiche Protette
Montagne, alture e colline
L’acqua
Degli alberi monumentali
Monumento naturale “Komorní hůrka” (Collinetta della camera)  

Komorní hůrkaLa “Collinetta della camera” (Komorní hůrka) è una collina non molto appariscente, sita ad un’altezza di 503 m s.l.m., nella piana terziaria del bacino di Cheb. È uno dei vulcani più giovani del Massiccio boemo. Sorse a cavallo fra il Terziario ed il Quaternario, nella terza ed ultima fase vulcanica del Pleistocene superiore, 115–15mila anni fa e rimase attivo fino all’Olocene, cioè meno di 10mila anni fa. Il vulcano sorse sul fondo di un lago salato prosciugato, che si trovava nel territorio degli attuali bacini di Cheb e Sokolov.
L’eccezionale importanza storico-culturale di questa collina poco vistosa è dovuta soprattutto al fatto che si tratta del vulcano più esplorato d'Europa e forse del mondo. Le esplorazioni condotte in loco hanno contribuito soprattutto a placare la polemica fra nettunisti e plutonisti, a cavallo fra il XVIII ed il XIX secolo. La “Collinetta della camera”, all’epoca, fu visitata e studiata da esperti mondiali di spicco.

Portale ornamentale della scuolaLe prime notizie su un’indagine approfondita del vulcano risalgono al 1766, quando il conte Zedtwitz fece scavare un tunnel lungo 100 m nella speranza di trovare un filone di carbone. Nel XIX secolo infuriò la polemica fra gli esperti nettunisti e plutonisti sull'origine di “Komorní hůrka”. I nettunisti (Nettuno era il dio romano dei mari) erano convinti che “Komorní hůrka” fosse nata per la sedimentazione nell’acqua, mentre i plutonisti (Plutone – dio degli inferi) erano convinti che la nascita di “Komorní hůrka” dipendesse dal “fuoco nelle viscere della terra”, la fonte delle eruzioni vulcaniche.
Il vulcano destò anche l'interesse di J.W.Goethe, che non era solo un famoso poeta, ma anche uno scienziato appassionato. Goethe visitò per la prima volta il vulcano nell'estate del 1808. All’inizio sposò la causa dei plutonisti, ma poi cambiò idea. Goethe convinse Kašpar Šternberk (co-fondatore del Museo nazionale di Praga) a unirsi alla ricerca. Goethe propose di scavare un tunnel per dimostrare che si trattava di un vulcano. I lavori cominciarono nel 1826; fu scavato un tunnel di circa 300 m, ma solo quando si giunse alla cosiddetta “Buca del nano” (Trpasličí díra), dove c’era il collo del vulcano, si riuscì a dimostrare che si trattava davvero di un vulcano. A quel tempo però Goethe era già morto. Oggi i tunnel sono per lo più franati. L’ultimo ricordo del periodo delle attività di ricerca è un portale d’ingresso decorato.  

Profilo di Komorní hůrka (Collinetta della camera) “Komorní hůrka” è un vulcano stratificato nato da un’esplosione di tipo stromboliano, durante la quale, a intervalli irregolari, il cratere emana gas e fuoriesce la lava incandescente. Per l’influenza delle correnti d’aria, gli strati di scorie di diversi metri si sono accumulati soprattutto a est del cratere del vulcano, nel punto dell’attuale cima. Alla fine dell’attività vulcanica, la lava riempì il collo ed il cratere del vulcano, l’effusione coprì anche una parte delle scorie nel punto dell’attuale ingresso alla galleria, presso il pendio sudoccidentale del vulcano.
Il vulcano in passato è stato sfruttato per le estrazioni della cenere vulcanica utilizzata nella manutenzione dei sentieri del parco di Františkovy Lázně. A causa delle estrazioni si è creato un fosso profondo 15 m, che alcuni visitatori ritengono essere il cratere del vulcano. Il basalto eruttivo è una nefelinite porosa, una forma relativamente rara di lava in Europa centrale. Una parte considerevole del basalto fu estratta nel Medioevo a scopo edilizio. Con le pietre di basalto è stata costruita anche la Torre Nera del castello di Cheb. Ancora intorno al 1880 a “Komorní hůrka” si svolgevano attività estrattive, seppure in parte, e quindi non c’erano ancora alberi. L’attività estrattiva fu interrotta solo nel 1951, quando il vulcano fu proclamato Riserva naturale statale. Oggi il vulcano è uno dei Monumenti naturali nazionali ed è vietato estrarre qualsiasi tipo di minerale.

Fonte: Guida a “Komorní Hůrka” di Karel Brož, edita da: Český svaz ochránců přírody Františkovy Lázně (Unione ceca degli ecologisti - Františkovy Lázně).