Skip Navigation Links
Ignora collegamenti di spostamento
Česky
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Pусский
Ignora collegamenti di spostamento
Curiosità naturali
Riserve naturali e Aree Paesaggistiche Protette
Montagne, alture e colline
L’acqua
Degli alberi monumentali
Acqua minerale acidula Čiperka  
Čiperka durante una piena

Sorgente ČiperkaLa sorgente minerale Čiperka, una delle acque minerali acidule più note della Foresta di Slavkov, si trova poco oltre il confine della nostra regione, precisamente nella regione di Plzeň. Questa sorgente sgorga ad un’altezza di 508 m s.l.m. sul lato destro dell'antica gora dell’ex mulino Lazurový, a circa 100 metri dall'affluenza nel ruscello Kosí. È stata proclamata monumento naturale nel 1995. Nei pressi della sorgente si trovano delle anfiboliti (rocce metamorfiche prodotte dal metamorfismo delle rocce effusive a temperature di 450°C e 750°C e con una pressione di 2 - 12 kbar) con inclusioni calcaree cristalline. L’acqua minerale acidula fu captata e resa accessibile dal proprietario della locale centrale elettrica, Oswald Hanika, all'inizio del secolo scorsCroce di Hanikao. Sopra la sorgenteResti della centrale elettrica di Hanika, Hanika fece costruire un’altana chiamata Hanika Guelle, oggi scomparsa.  
Negli anni ’40 il ruscello Kosí alimentava circa 35 mulini, la maggioranza dei quali è ormai in rovina. Accanto alla sorgente Čiperka si trovava la centrale elettrica “Hanikova”, dove Oswald Hanika già all’inizio del XX secolo produceva corrente trifasica, molto moderna per quel tempo. Hanika era originario di Dolní Kramolín, e nel mulino del padre provò a collegare i primi generatori di corrente. Dal 1898 iniziò l’elettrificazione della regione. e trasformò il mulino in una delle prime centrali elettriche. Ad Hanika si deve l’elettrificazione di Planá, Úšovice, Drmoul, Klimentov, Hleďsebe, Hamrníky e Ch.Planá. Poiché Oswald Hanika, durante la Seconda Guerra Mondiale, era un simpatizzante del fascismo, scappò dalla Boemia ancor prima della fine della guerra. Negli anni ‘60 la centrale elettrica era ormai ridotta in macerie. Oggi sono visibili solo le fondamenta, occupate da un barbone di Michalovy Hory, l’unico ricordo della centrale elettrica è la croce di Hanika sul pendio presso la strada, accanto ai resti della centrale stessa, recante la scritta “Theresie Hanika 1911”.