Skip Navigation Links
Ignora collegamenti di spostamento
Česky
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Pусский
Ignora collegamenti di spostamento
Curiosità naturali
Riserve naturali e Aree Paesaggistiche Protette
Montagne, alture e colline
L’acqua
Degli alberi monumentali
Monte Krudum  

Krudum nel 2008Il mistico monte Krudum (denominato a volte Chrudim) ha tre cime, a nord a 838 metri s.l.m., a ovest a 831 m s.l.m. e ad est a 837 m s.l.m. Il miglior modo per arrivare sul monte Krudum è da Třídomí presso Horní Slavkov. Da qui prendiamo il sentiero turistico verde fino a Milíře (attenzione, nella mappa il sentiero verde non è ben indicato, ma porta a Milíře) e poi percorriamo 1,5 km in direzione nordest, lungo la strada sabbiosa che porta alla cima orientale direttamente all’ex torretta panoramica. La torretta panoramica si chiamava “Kempfova”, dal nome di Andreas Kempf, nato nel piccolo villaggio di Lán (Hub) nei pressi di Krásno. Nacque il 22/1/1865 e da bambino si trasferì con i genitori a Třídomí, un comune sito ai piedi del monte Krudum, ora scomparso. Studiò alla Facoltà di Medicina di Vienna, dove poi divenne protomedico presso l'Accademia Teresiana. Non dimenticò mai la sua regione di origine, alla quale dedicò le sue prose, scritte nel dialetto di Cheb. Morì da persona riconosciuta e rispettata il 2/5/1929. I locali non hanno mai dimenticato il Dr. Kempf. Nel 1931 a Loket fu fondata un’associazione il cui scopo ultimo era quello di erigere sul monte Krudum una torretta panoramica che portasse il nome dell’illustre dottore. Lo stesso anno il Dr. Ing. Anton Thun pubblicò a Loket una raccolta delle prose di Kempf sulla regione sotto il monte Krudum; il ricavato delle vendite del libro, insieme alle donazioni, servì a finanziare la costruzione della torretta panoramica, che inaugurata nel 1932 ma crollò già negli anni ’70. 
Fortunatamente seguirono tempi migliori: nel 2001 sorse la società Krudum a spol., che seguendo l’esempio dei suoi predecessori, si diede come obiettivo quello di erigere una nuova torretta panoramica. Fino al 2007 qui c’era solo un ammasso di pietre. L’anno successivo è stata riparata la strada che conduce cima orientale ed è stata costruita proprio qui, e resa accessibile al pubblico nel 2008, una torre in acciaio per le radiocomunicazioni alta 50 metri. L’ammasso di pietre della torre crollata sta scomparendo, e si conserverà solo in una targa commemorativa nel vicino giardino roccioso.

Di Krudum si dice che abbia la testa verde (il bosco), il cuore d’argento (il minerale ivi estratto) ed i piedi d'oro (negli acquitrini ai piedi del monte un tempo si lavava l’oro). Ancora oggi, sui pendii del Krudum, possiamo trovare placer (mucchi di residui di minerali) e depressioni (rilievi modificati del terreno) dovuti all’attività di lavaggio dell’oro. Dalla documentazione a disposizione risulta inoltre che qui si estraeva anche l’ametista. 
L’importanza del monte Krudum per l’intera regione è tale da non poter essere trascurata. L’intera area nei dintorni di Horní Slavkov, Krásno e Loket è strettamente legata al monte. Sono inoltre legate ad esso molte leggende; la sua importanza storica è notevole. Interessante è anche la commistione fra alcune leggende su Krudum e la realtà. Un esempio è la leggenda sulla sede di San Nicola sul monte Krudum. Gli originari abitanti tedeschi della regione raccontavano ai bambini che, alla vigilia di San Nicola, questi sarebbe sceso dalla sua casa sul monte Krudum per andarli a trovare: quelli buoni li avrebbe premiati con dei regali, quelli cattivi li avrebbe ficcati in un sacco e portati sul Krudum. Questa leggenda è evidentemente legata alla chiesa gotica di San Nicola, che nel Medioevo si trovava ai piedi del monte, all’incrocio fra le vie per Hrušková, Třídomí e Nadlesí.

 Sulla cima ccidentale del monte Krudum troviamo un particolare paracarro in pietra, che i locali chiamano la pietra francese. Questa denominazione è dovuta probabilmente all'abbreviazione “Fr” nell’iscrizione incisa su di essa: "Reg Imp Fr pmo 1808". Quest'abbreviazione misteriosa, “Fr”, in realtà non significa “Francia”, bensì Francesco I, l’imperatore al potere quando i geometri (probabilmente di origine italiana) posero la pietra durante le misurazioni per le mappe militari della zona di confine ceca, destinate al quartier generale austriaco prima della guerra contro Napoleone. Il secondo punto trigonometrico si trova a Vysoký kamen (Pietra alta) presso Luby.