Skip Navigation Links
Ignora collegamenti di spostamento
Česky
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Pусский
Ignora collegamenti di spostamento
Curiosità naturali
Riserve naturali e Aree Paesaggistiche Protette
Montagne, alture e colline
L’acqua
Degli alberi monumentali
Bystřina ed il ruscello Lužní  

Confine della riserva naturaleNelle propaggini più lontane della provincia di Aš, presso il confine con la Germania, la zona lungo i ruscelli Bystřina e Lužní è stata proclamata nel 1992 riserva naturale. L’intera superficie della riserva nel nostro territorio è pari a 50 ettari e la sua altitudine sul livello del mare è compresa fra 540 e 625 metri. Il motivo principale per la nascita della riserva è soprattutto la preservazione del biotopo in cui vive la rara margaritifera margaritifera, perché c’era il timore che la caduta della “cortina di ferro” e l’apertura delle frontiere avrebbe potuto significare una minaccia per tale specie. La margaritifera margaritifera è una specie in pericolo critico non solo in Boemia, ma anche nella vicina Germania; in entrambi i ruscelli, nonché in tutti i loro affluenti, ha trovato uno dei suoi ultimi habitat naturali in Europa centrale. In Repubblica ceca restano solo gli ultimi cinque habitat naturali della margaritifera margaritifera. La riserva “Bystřina ed il ruscello Lužní” è un esempio concreto della collaborazione fra gli ecologisti cechi e tedeschi che qui, per difendere la margaritifera margaritifera, hanno unito le loro esperienze, dando vita ad un territorio protetto su entrambi i lati della frontiera.
Una minaccia per questa importante località naturale potrebbe essere costituita dalla prossima apertura del passaggio di frontiera Hranice - Ebmath per i veicoli a motore e dalla costruzione di una stazione di servizio.

Proprio questi due ruscelli oligotrofi (a scarso contenuto di sostanze organiche) sono diventati l’habitat naturale di un mollusco molto raro – la margaritifera margaritifera, la cui presenza dipende da legami ecologici complessi in tutto il bacino. La margaritifera margaritifera ha bisogno di acqua oligotrofica, nella quale si nutre di detriti d'acqua (biomassa semidecomposta). La stabilità dell’acqua è garantita dai biotopi delle foreste e dei prati nei pressi dei ruscelli ed in pratica in tutto il loro bacino. Questo purtroppo non basta per la proliferazione di questi molluschi poiché, per lo sviluppo delle larve, è necessaria l’esistenza della trota fario o anche del salmone atlantico, nelle cui branchie le larve, appunto, trascorrono una parte del loro sviluppo. Perciò è necessario conservare non solo il corso d’acqua, ma l’intero bacino compresa la sorgente. Insieme alla margaritifera margaritifera vivono qui anche la lampreda di fiume ed il granchio di fiume, specie in pericolo critico.

Un’altra specie animale importante della riserva naturale è l’euphydryas aurinia, che si trova anche nella Foresta di Slavkov. Questa farfalla, per lo sviluppo dei suoi bruchi, utilizza in Boemia occidentale una pianta chiamata morso del diavolo. Il “morso del diavolo” non è una specie vegetale a rischio, ciò nonostante, considerando il suddetto legame con la rara farfalla, è necessario proteggerla. Fra gli uccelli a rischio, nidificano nel territorio della riserva la cicogna nera e la civetta nana.

La prima indagine botanica dettagliata della riserva è stata realizzata nel 1994; in base alle conoscenze acquisite, il territorio è stato ulteriormente ampliato nel 1998. Fra le specie vegetali specialmente protette, si trovano nella riserva la polygala serpyllifolia e la brasca poligonifolia, in pericolo critico. Specie fortemente a rischio sono la pedicolare silvestre e la drosera a foglie rotonde. Nel 2005 è stata scoperta anche la presenza della brasca alpina. Fra le specie a rischio si trovano inoltre – l’arnica montana, la dactylorhiza majalis, la soldinella acquatica, il trifoglio fibrino, il mirtillo palustre ed il salice strisciante. Fra le specie meno frequenti nella provincia di Cheb, che però non sono comprese fra quelle a rischio in Repubblica ceca, possiamo trovare piante come la betonica officinalis, il geum rivale, il thalictrum aquilegiifolium e l’erba termofilica brachypodium pinnatum.