Skip Navigation Links
Ignora collegamenti di spostamento
Česky
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Pусский
Ignora collegamenti di spostamento
Curiosità naturali
Riserve naturali e Aree Paesaggistiche Protette
Montagne, alture e colline
L’acqua
Degli alberi monumentali
Torbiera di Boží Dar  

Questa Fine del percorso educativoRiserva naturale nazionale estende su una superficie di quasi 1000 ha ed è la riserva più grande della nostra regione. La torbiera di Boží Dar è protetta dal 1965 e dal 1977 è accessibile attraverso un sentiero educativo. La riserva protetta comprende alcune torbiere, prati montani, brughiere e piante forestali ad un’altezza di circa 1000 m s.l.m.
La natura unica della riserva crea un paesaggio molto bello e suggestivo, creatosi in conseguenza di uno sfruttamento storico prolungato e variegato –le attività forestali ed agricole e di estrazione di metalli colorati e torbe. La torbiera è il biotopo di molte specie protette ed a rischio di piante ed animali.
La torbiera è nata nei luoghi in cui gli efflussi di acqua si sono trattenuti in laghetti e paludi. Dopo l’ultima era glaciale sono cominciati a comparire piante palustri come il carice, il giunco e la fragmite. Poi sono comparsi gli sfagni, che crescono fino a qualche cm all’anno, mentre la loro parte inferiore, contemporaneamente, muore nell’acqua per l’assenza d'aria. Nella fase successiva, agli sfagni sono subentrate gradualmente piante come l’erica, l’empetro nero, il mirtillo, il mirtillo rosso, il mirtillo falso, ecc. Attualmente la vegetazione ricopre i laghetti solo in alcuni punti della riserva e la maggior parte della torbiera è già ricoperta di pini nani, un primo segnale del fatto che la formazione di torba è quasi conclusa. Qui c'erano diverse specie di sfagni ed attualmente se ne trovano ancora 24.
Sentiero di legnoLa torba veniva estratta qui sin dal XVIII secolo. La torbiera veniva prima di tutto disboscata; per il prosciugamento veniva utilizzata la rete rettangolare dei canali di scarico. L’acqua poi veniva deviata verso il fossato principale. I blocchi di torba venivano estratti a mano. L’estrazione della torba in questa zona terminò definitivamente durante la Seconda Guerra Mondiale. Alcuni luoghi di estrazione si trovano adesso sott’acqua.
Il maggiore valore scientifico nelle torbiere è ricoperto dai pini nani, le abetine, i tipi speciali di briofiti ed i licheni. La maggiore curiosità botanica della torbiere è la betula nana ovvero betulla nana. È una specie molto antica, che i dendrologi considerano come residuale dell’ultima era glaciale nel territorio ceco. La betulla cresce al massimo fino ad 1 metro. Oggigiorno è la tipica pianta della tundra nordica. Nel nostro territorio, dove la temperatura è aumentata notevolmente, è sopravvissuta solo nei luoghi in cui non è stata soppiantata da altre specie. È interessante che la betulla nana cresce prevalentemente ai margini dei luoghi in cui si estraeva la torba. Un residuo dell’ultima era glaciale non è solo la betulla nana, ma anche un piccolo roditore, l’arvicola agreste.
La curiosità zoologica più interessante è il carabus menetriesi in pericolo critico di estinzione, che vive, oltre che nella torbiera di Boži Dar, solo in due luoghi della repubblica.
Per percorrere il sentiero educativo della torbiera attraversando i luoghi paludosi si può fare uso di una passerella. La consistenza della torba nel sentiero educativo è in media di 50 cm, in alcuni punti raggiunge i 4 m. Attualmente, il sentiero educativo è chiuso a causa del cattivo stato delle passerelle.