Skip Navigation Links
Ignora collegamenti di spostamento
Česky
Deutsch
English
Español
Français
Italiano
Pусский
Ignora collegamenti di spostamento
TOP TEN
Alloggio Regione di Karlovy Vary
Informazioni pratiche
Istituzioni culturali
Musei
Gallerie e orchestre
Teatri
Osservatorio astronomico
Biblioteche civiche
Termali
Natura
Attrazioni turistiche
Sulle tracce della storia
Come l’uomo cambia il volto della regione
Attività sportive
Curiosità
Galleria fotografica
Visita virtuale della regione
Musei  

Museo della Regione di Karlovy Vary
Museo di Karlovy Vary
Zámecký vrch 22
360 01 Karlovy Vary
tel.: 353 224 433-4

sekretariat@kvmuz.cz 

Museo di Karlovy Vary

Il museo di Karlovy Vary fu istituito dopo il 1865 come struttura unica integrata alla biblioteca e all’archivio comunali. Già allora, grazie al contributo dei collezionisti locali, il museo conteneva ricche collezioni e documenti sull’artigianato tipico di Karlovy Vary. Nel 1876 fu aperto al pubblico il museo privato dell’incisore Anton Pitroff, un entusiasta collezionista le cui raccolte furono successivamente incluse nel museo di Karlovy Vary. Nel 1937 il museo ottenne una parte delle collezioni del dr. Becher e le raccolte di bersagli e trofei dell’associazione dei tiratori.

Museo della Regione di Karlovy Vary
Museo di Cheb
nám. Krále Jiřího z Poděbrad 493/4
350 11 Cheb
tel.: 354 422 292

sekretariat@muzeum.cz

Museo di Cheb

All’interno dell’ex Edificio municipale, uno dei più antichi palazzi borghesi della piazza di Cheb noto anche come Casa Pachelbel dal nome del suo proprietario più famoso, il 15 maggio 1874 fu aperto il Museo della città di Cheb, uno dei più antichi musei regionali della Boemia. Con oltre 100.000 oggetti raccolti, ricchi fondi di documentazione secondaria sulla storia di Cheb e un’ampia biblioteca di studio, è tra i più importanti complessi museali della Boemia occidentale. La nuova mostra storico-artistica consente ai visitatori di scoprire la ricca storia della città e della regione, di ammirare le preziose raccolte di artigianato artistico, come l’antependium di Cheb del XIV secolo – un velo ricamato con perle utilizzato per rivestire l’altare –, ma anche le sculture gotiche e barocche e una mostra degli intarsi su rilievo di Cheb con le allegorie della Sera, del Mattino, del Giorno e della Notte della bottega di J.K. Haberstumpf. Tra gli oggetti più rappresentativi esposti citiamo anche le parti preservate dell’altare della non lontana Ostroh (Seeberg) e risalenti alla fine del XV secolo, composte da una statua della Pietà e dalle ali dell’altare con i pannelli dipinti raffiguranti le scene del Calvario. 

Museo della Regione di Karlovy Vary
Museo di Sokolov
Zámecká 1
356 01 Cheb
tel.: 352 623 930

muzeum@muzeum-sokolov.cz

Museo di Sokolov

Il museo di Sokolov fu istituito già nel 1934 dall’associazione museale locale con sede in un edificio all’estremità della piazza Vecchia (Staré náměstí). Dopo il secondo conflitto mondiale il museo fu trasferito in un castello precedentemente occupato dall’esercito. Nel 1982 fu trasformato in museo civico, e nel 1984 fu promosso a museo provinciale. Nel 2003 passò sotto la giurisdizione della Regione di Karlovy Vary diventando Museo Regionale di Sokolov. Le sedi distaccate di Krásno e Horní Slavkov furono aperte rispettivamente nel 1998 e nel 2001. Dal 1/1/2007 i musei di Karlovy Vary, Cheb e Sokolov sono unificati nella nuova organizzazione del Museo della Regione di Karlovy Vary.

Museo civico di Františkovy Lázně
dr.Pohoreckého 8
351 01 Františkovy Lázně
tel.: 354 542 344

Museo civico di Františkovy Lázně

La storia del museo inizia nel 1912, quando un’associazione civica locale raccolse tra gli abitanti della città gli oggetti storici per il futuro museo locale. L’iniziativa fu sostenuta dall’allora sindaco di Františkovy Lázně, Evžen Loimann, che incluse l’intera questione fra le competenze del Comune – in tal modo, il museo fu ufficialmente istituito all’interno dell’edificio Aeskulap n. 131 in via Americká.
Al termine del primo conflitto mondiale, la gestione del museo fu affidata ad Alois John, un importante scienziato della zona, che negli anni Trenta ottenne degli spazi espositivi trasformando la collezione in un vero e proprio museo. Durante la Seconda Guerra Mondiale il museo fu chiuso e le sue raccolte scomparvero, per poi essere recuperate a partire dal 1957. L’anno successivo il museo fu trasferito nell’edificio in cui si trova attualmente, in via Dr. Pohoreckého, accanto al teatro. Oltre alle ampie esposizioni che documentano la storia della città e dell’attività termale, in questi spazi si trovano la direzione del museo, i dipartimenti economici, commerciali e storici e una biblioteca specializzata.
L’attuale collezione del museo conta circa 7.000 oggetti.

Museo civico di Mariánské Lázně
Goethovo náměstí 11
353 01 Mariánské Lázně
tel.: 354 622 740

muzeum@muzeum-ml.cz

Museo civico di Mariánské Lázně

Il museo è situato all’interno del più antico edificio della parte storica della città. Questo importante monumento architettonico risale all’inizio del XIX secolo, ed è l’ultima testimonianza preservatasi fino ad oggi dell’aspetto che la città aveva a quel tempo. La struttura fu edificata nel 1818 come pensione per gli ospiti termali col nome di "Zlatý hrozen" (uva d'oro); nel 1823 vi pernottò anche Johann Wolfgang Goethe, come ricordano la placca in bronzo posta al di sopra dell’ingresso arcuato e la nuova esposizione rielaborata e completata che si trova al primo piano dell’edificio.
Istituito già nel 1887, il museo risiede in questo edificio dal 1953, e raccoglie le collezioni dei musei regionali della zona di Mariánské Lázně. Tra il 1975 e il 1979 l’edificio fu ristrutturato, e nello spazio del cortile fu costruito un altro piano per le esposizioni, con una sala per le proiezioni e le conferenze. Un’ulteriore ristrutturazione fu condotta tra il 1998 e il 1999.
Il museo è integrato da una mostra all’aperto intitolata “Parco geologico”, che si estende su una superficie naturale di quasi 10 ha nelle immediate vicinanze dell’edificio.

Museo di Aš
Museo etnografico e tessile

Mikulášská 3
352 01 Aš
tel.: 354 525 195

info@muzeum-as.cz

Museo di Aš

Il museo di Aš è un’organizzazione finanziata dal Comune di Aš e si trova nei pressi della chiesa cattolica di San Nicola, sull’omonima collina della città.
Istituito nel 1892, il museo esponeva principalmente ceramiche, arredamenti, costumi tipici, armi, dipinti, libri e collezioni regalate dagli abitanti della città e costantemente integrate dalle donazioni dei cittadini e degli industriali della zona. L’aspetto attuale del museo risale al 1966, quando fu trasferito negli spazi ristrutturati del castello, un edificio in stile impero costruito dall’industriale Unger sulla Collina di San Nicola (Mikulášský vrch), nel luogo in cui sorgeva il castello degli Zedtwitz, distrutto da un incendio.
Nel 1986 fu inaugurata una mostra organizzata in maniera moderna che documentava lo sviluppo della produzione tessile nella regione di Aš, dai più antichi processi produttivi di filatura, tessitura, intrecciatura, colorazione e trattamento fino alla metà del XX secolo. I macchinari per la tessitura e l’intrecciatura sono tuttora perfettamente funzionanti. Attualmente, la mostra rappresenta un ricordo dell’industria tessile di Aš scomparsa in seguito alla Rivoluzione di Velluto.
Nel 1988 fu inaugurata l’esposizione “La storia di Aš”, che copre gli avvenimenti storici fondamentali della provincia, dalle prime notizie scritte risalenti al 1270 fino alla fine dello sviluppo autonomo della provincia, sancito dai cosiddetti “Punti di temperamento” di Maria Teresa del 1775. La mostra testimonia anche lo sviluppo artigianale della provincia di Aš dalla metà del XVII secolo all’inizio del XIX secolo, ed è integrata da arredi, porcellana, vetro e dipinti del XVII-XIX secolo provenienti dalle collezioni private dei cittadini di Aš.

Museo del vetro Moser
Kpt. Jaroše 46/19
360 06 Karlovy Vary
tel: 353 449 455


customerservice@moser-glass.com
 

Moser

Il museo presenta la celebre storia dell’azienda fondata da Ludwig Moser nel 1857. All’interno del museo sono esposti oggetti storici, strumenti per la lavorazione del vetro, medaglie, decreti e altri documenti storici, fotografie, esempi di campionari, cataloghi e materiale promozionale storico. Una parte dell’esposizione è dedicata alle forniture di prodotti in vetro per i monarchi e le personalità illustri.

Museo della rilegatura di Loket
Městská radnice
TGM 1
Loket
tel: 352 684 350

Museo di Loket

Il Museo della rilegatura fu inaugurato a Loket nel 2001 con un’esposizione permanente all’interno della Černá věž (la Torre Nera). Su iniziativa dell’ex sindaco Jan Hadrava, i rinomati rilegatori artistici nonché cittadini di Loket, Jan e Jarmila Sobota, furono invitati a partecipare alla creazione del museo. Nel 1997, appena tornati dagli Stati Uniti, i coniugi Sobota furono i principali iniziatori della fondazione della Società dei rilegatori cechi con sede a Loket. Grazie alla loro popolarità tra i rilegatori e i collezionisti cechi e alle amicizie personali con i più importanti rilegatori mondiali, il museo ottenne il 90% degli oggetti esposti a titolo gratuito.

Zdeněk Bálek – Museo delle motociclette storiche ed Esposizione dei giocattoli cechi
nám. 5. května 2
364 64 Bečov nad Teplou
tel: 606 737 041

Museo di Bečov nad Teplou

Il Museo delle motociclette storiche espone circa 40 motociclette storiche, ma anche biciclette storiche e motori per motociclette. L’esposizione è costantemente ampliata, ed è stata estesa alle biciclette storiche. Alcuni oggetti esposti sono pezzi unici al mondo, altri invece sono gli unici conservatisi in Repubblica ceca.
L’esposizione dei giocattoli cechi è concepita come una mostra libera dei giocattoli popolari cechi nelle regioni classiche di produzione di giocattoli (Krouna, Skašov, Hlinecko), fino alla produzione degli attuali fabbricanti di giocattoli cechi, orientati ai materiali naturali. L’esposizione contiene diverse centinaia di oggetti ed è continuamente ampliata. Fa parte dell’esposizione un negozietto in cui è possibile acquistare alcuni giocattoli.                                                               Al pianterreno si può visitare una mostra sull’evoluzione e la storia della coltelleria e delle armi bianche; inoltre, nella parte destra del pianterreno, si trovano una galleria-rivendita e un negozio di souvenir.

Palazzo di Mostov - Museo della porcellana
Zámek Mostov
Mostov 1
350 02 Cheb

recepce@mostov.cz

Porcellana di Slavkov

Negli spazi del palazzo di Mostov si trova il museo della porcellana Haas & Czjzek, la prima manifattura di porcellana della Boemia. Mostov offre uno spazio espositivo adeguato per oltre 200 esemplari provenienti da negozi di antiquariato e collezioni private: ciotole decorate a mano con litofania, set da tè e da caffè riccamente decorati con cobalto e oro, vasi unici, sottobicchieri e servizi per due persone. La collezione è arricchita da statuette di porcellana. Di grande rarità sono gli oggetti appartenuti alla baronessa Olga, i suoi ventagli, il parasole e i suoi vestiti, come anche copie di diverse lettere, cartoline e fotografie ottenute dai membri ancora in vita della famiglia Haas.

Museo di Horní Blatná - sede distaccata del Museo Regionale 
362 37 Horní Blatná 127
tel.: 353 892 046
o 353 892 000 , cell.: 775 971 322

sekretariat@kvmuz.cz

Museo di Horní Blatná

L’originario museo civico di Horní Blatná nacque già prima del 1938 e fu chiuso all’inizio degli anni Cinquanta. Nel 1977 il Museo di Karlovy Vary organizzò una nuova esposizione con l’intenzione di testimoniare le attività di estrazione dello stagno nella regione dei Monti Metalliferi. È possibile ammirare i modelli delle tecniche estrattive, raccolte mineralogiche e vasellame in stagno. Dal 2001 il museo è stato ampliato con una piccola galleria regionale. Il museo fa parte del sentiero didattico Vlčí jámy (le fosse del lupo). 

Museo Jan Becher
T.G.Masaryka 57, 360 76 Karlovy Vary
tel: 353 170 177, 186,156

muzeum@jan-becher.com

Museo Jan Becher

Il museo fa parte dello stabilimento di produzione che circa 150 fa sostituì la farmacia originaria. Oltre ad un commento in sei lingue, proiezioni audiovisive e mostre di oggetti storici connessi alla Becherovka, la visita guidata include anche le cantine originarie e alcuni spazi di produzione. Al contrario, altre aree sono mantenute segrete: ad esempio, fino ad oggi solo un ristrettissimo numero di eletti ha avuto accesso alla sala “Drogikamr”, dietro le cui porte chiuse a chiave, diverse volte all’anno, mani esperte pesano con precisione fiori secchi, foglie, cortecce e radici tritate, mescolando con cura la profumata miscela di venti erbe e spezie che costituisce la base del futuro liquore. Al termine della visita è possibile rilassarsi nel bar del museo.

Museo di Nejdek - sede distaccata del Museo Regionale  
náměstí Karla IV. 238, Nejdek 363 21
tel: 353 925 702

sekretariat@kvmuz.cz

Museo di Nejdek

Negli anni 1976 – 77 nell’edificio comunale fu costruito il Museo del movimento operaio. Questa esposizione scomparve dopo la Rivoluzione di Velluto (1989) e liberò gli spazi per una mostra permanente d’impronta etnografica con le collezioni del Museo di Karlovy Vary. Si tratta soprattutto di arte popolare, ceramica, stagno, pittura su vetro e mobili dipinti. Il Museo di Karlovy Vary organizza al pianterreno dell’edificio mostre della durata di uno o due mesi.


Museo di Horní Slavkov - sede distaccata del Museo Regionale  
Pluhova 211
357 31 Horní Slavkov
tel: 352 688 130

sekretariat@kvmuz.cz

Museo di Horní Slavkov

Il Museo di Horní Slavkov è situato al n. 211 di via Pluhova, in un edificio riadattato vicino al Pluhův dům (n. 497 – Palazzo di Pluh), il più prezioso palazzo di Horní Slavkov dal punto di vista architettonico, e al quale è legato anche dallo stesso sviluppo storico-edile. Si tratta di un edificio ad un piano con seminterrato, la cui facciata liscia finestrata su sei assi è priva di elementi decorativi. Di elevato valore storico-documentario sono gli spazi dell’antico camino aperto, un importante elemento degli interni del palazzo, conservatisi fino ad oggi. La struttura dell’edificio denota la sua origine gotico-rinascimentale, influenzata nella nostra regione dallo stile sassone delle costruzioni urbane. Il museo di Horní Slavkov fu aperto come sede distaccata del Museo regionale di Sokolov nel 2001, con l’intenso patrocinio della città di Horní Slavkov. L’esposizione permanente presenta le tappe storiche fondamentali e le aree più importanti dell’attività umana che hanno inciso in modo determinante sulla storia della città. 

Museo minerario di Krásno - sede distaccata del Museo Regionale  
Cínová 408
357 31 Krásno
tel: 352 688 740

sekretariat@kvmuz.cz

Museo di Krásno

Il Museo minerario di Krásno è una sede distaccata del Museo Regionale di Sokolov. È situato nel luogo in cui si trovava la storica miniera di stagno Vilém, fondata sul sistema filoniano Gellnauer, che, pur con una serie di interruzioni, fu attiva fino agli anni Novanta del XX secolo. All’interno della miniera Vilém si sono preservati l’edificio dei trattamenti, le officine, la torre e l’edificio per l’estrazione, la sala macchine, la reception e la struttura di una delle più antiche cabine di trasformazione del nostro territorio. L’edificio principale del museo, ristrutturato nel periodo 1994 - 1998, nel XVIII e XIX secolo veniva utilizzato per il trattamento dello stagno. L’esposizione è stata inaugurata il 5 settembre 1998 in occasione del secondo incontro delle cittadine e dei comuni minerari della Repubblica ceca, che si è tenuto a Krásno. L’ex impianto di trattamento è utilizzato come edificio principale del museo all’aperto che si estende su diversi ettari di superficie. Il museo è completato da una serie di resti provenienti dall’estrazione e l’elaborazione dei metalli della zona, che saranno resi accessibili gradualmente attraverso una serie di sentieri educativi. La ristrutturazione degli altri edifici dell’areale della miniera Vilém si è svolta tra il 1998 e il 2004; gli edifici sono aperti al pubblico dal 2004.

Museo di Jáchymov - sede distaccata del Museo Regionale  
Nám. Republiky 37
362 51 Jáchymov
tel: 353 811 695

sekretariat@kvmuz.cz

Museo di Jáchymov

Il museo ha sede nell’edificio in stile rinascimentale della Zecca del 1536. Attualmente ospita una mostra intitolata “Jáchymov nello specchio dei tempi”, che occupa complessivamente 15 sale distribuite su due livelli. L’esposizione offre ai visitatori la possibilità di conoscere gli aspetti geologici e mineralogici dei Monti Metalliferi, i ritrovamenti archeologici della Zecca Reale, le attività di estrazione mineraria del XVI secolo, la numismatica e la coniatura delle monete. Un’attrazione del museo è costituita dal plastico mobile su larga scala sull’attività estrattiva dei Monti Metalliferi nel XVI secolo. Inoltre, è possibile visitare un’esposizione che mappa i campi di lavoro nella zona di Jáchymov dopo il 1948. Il museo è dedicato all’importante scienziato Georgius Agricola (1494 - 1555), la cui vita e le cui opere sono strettamente connesse alla città di Jáchymov. 

Museo di Žlutice - sede distaccata del Museo Regionale  
Velké náměstí 1
364 52 Žlutice
tel: 353 393 357

sekretariat@kvmuz.cz

Museo di Žlutice

Il museo civico fu istituito nel 1910, e offriva ai visitatori collezioni sulla storia della cittadina. Nel 1953 ricevette le raccolte provenienti dal museo civico di Bochov. Nel 1971 il personale del museo organizzò un’esposizione dedicata agli Hussiti. Il museo divenne una sede distaccata del museo regionale nel 1973. Nel 1992 l’esposizione si estese alla storia della cittadina. La visita del museo comprende anche una prigione, con un’installazione dedicata all’impiccagione. È accessibile anche una parte dei sotterranei medievali dell’edificio del museo.